IL VIAGGIO VERSO L’EMOZIONE. “Più di 40 Case automobilistiche al Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino. Oltre mille supercar da tutta Italia saranno ospiti d’onore della grande festa motoristica”

 

 

A poco più di100 giorni dall’inaugurazione si svela l’anima della 4ª edizione del Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino, che si svolgerà dal 6 al 10 giugno 2018, con un programma eventi che ha i colori e l’entusiasmo dei grandi raduni della Monterey Car Week e di Goodwood, e con un indice di gradimento che parla di oltre 40 Case automobilistiche attese. A oggi hanno già confermato la loro partecipazione tutto il gruppo FCA (Fiat, Lancia, Abarth, Jeep, Alfa Romeo, Fiat Professional, Mopar, Heritage), il gruppo Volkswagen al completo (Audi, SEAT, Škoda, Volkswagen), Mercedes-Benz, Smart, Suzuki e Mazda. Confermata anche Italdesign che, in occasione del 50° anniversario, sarà grande protagonista di un’esposizione all’interno del Castello del Valentino con modelli e prototipi che hanno fatto la storia dell’automotive mondiale. Confermato il format della manifestazione che vedrà la presentazione, lungo i viali del Parco Valentino, di anteprime e novità commerciali in un’esposizione all’aperto e con biglietto elettronico gratuito per il pubblico, visitabile con orario prolungato dalle 10 alle 24.

 

Il Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino, la sera di mercoledì 6 giugno, ospiterà i 300 delegati del Congresso internazionale di Automotive News Europe. Tra i partecipanti ci saranno quattro amministratori delegati di case automobilistiche Linda Jackson (Citroën), Andy Palmer (Aston Martin), Annette Winkler (Smart) e Thomas Ingenlath (Polestar, nuovo brand per vetture elettrificate di Volvo). Prenderanno parte inoltre Ponz Pandikuthira, responsabile del product planning di Nissan Europe, Michael Cole, responsabile delle attività europee di Kia Motors, Joerg Astalosch, Chief Executive Officer di Italdesign e Peter Martens, Chief Technical Officer di Audi.

L’Italia sarà rappresentata dal direttore del design di Italdesign, Filippo Perini, dal presidente di CLEPA, Roberto Vavassori, e da Lapo Elkann, fondatore e presidente di Garage Italia.

 

In concomitanza e in sinergia con il Salone si svolgerà anche, presso il Politecnico di Torino, dal 6 all’8 giugno, il convegno tecnico internazionale “CO2 Reduction for Transportation Systems Conference”, organizzato da ANFIA e da SAE Torino raccogliendo l’eredità di ATA (Associazione Tecnica dell’Automobile), con lo scopo di offrire opportunità di discussione sui temi scientifici relativi al mondo automotive – con il coinvolgimento di ingegneri di settore di levatura internazionale – e di promuovere il dialogo fra industrie, università e centri di ricerca di diversi Paesi.

 

La grande novità del 2018 sarà il coinvolgimento di tutta la città di Torino che darà vita a un Salone diffuso, trasformando piazze e vie in punti di ritrovo di supercar, prototipi, one-off e auto storiche da collezione. Una festa che vuole essere celebrazione dei proprietari privati, baluardo di una passione per le quattro ruote alla quale Parco Valentino vuole rendere omaggio in questa 4ª edizione.

 

Andrea Levy, presidente del Salone dell’Auto di Torino: “I proprietari delle auto più emozionali, in questi ultimi anni hanno visto la loro passione messa a dura prova, colpita da tasse come il Superbollo, che non esiste in nessun altro paese europeo, e che si è dimostrata controproducente per le casse dello stato italiano. Ospitare a Torino i collezionisti e le loro supercar, arrivati da tutta Italia, rappresenta il miglior modo di riaccendere l’interesse per le automobili anche nei giovani, partendo dal lato emotivo per arrivare ad approfondire il tema culturale e tecnologico, con particolare attenzione alle nuove motorizzazioni elettriche e ibride e contribuendo, così, al rilancio a 360° del settore automotive italiano”.

 

Gianmarco Giorda, Direttore di ANFIA, sottolinea come “Il Salone dell’Auto Parco Valentino sintetizza in una formula vincente fin dalla prima edizione le componenti di successo di un nuovo format di evento dedicato al mondo automotive, in risposta alla crisi dei Saloni tradizionali: la centralità dei prodotti di ultima generazione che convive con la riscoperta delle radici della cultura dell’automobile in Italia – di cui sono esponenti anche i Carrozzieri e Progettisti ANFIA, da sempre presenti alla rassegna – in una cornice cittadina elegante e fruibile dal grande pubblico, messo a contatto con l’evoluzione di un settore vivace quanto affascinante”.

 

Fa eco il direttore generale di UNRAE, Romano Valente: “Torino è una città dalla fortissima tradizione motoristica e recita un ruolo importante nello sviluppo della mobilità individuale, delle tecnologie e del design. Qui si ritrova bene la passione per l’auto, per la sua storia e per la sua evoluzione, coniugate con le novità dei prodotti e le nuove tecnologie, attraverso un percorso capace di mantenere unite le persone e l’automobile. Un evento Parco Valentino che fa bene all’auto e contribuisce al miglioramento della mobilità”.

 

Il Comitato organizzatore ha programmato punti di ritrovo in diverse città d’Italia per tutte le supercar che vorranno partecipare alla festa di Torino. I proprietari di Porsche, Ferrari, Lamborghini, McLaren, Maserati, Pagani, Mercedes-Benz AMG, BMW M series, Audi RS, Aston Martin, Bentley, Rolls Royce, Jaguar, Lotus e altri modelli s’incontreranno a Milano, Brescia, Verona, Padova, Genova, Modena, Bologna, Firenze e Roma e riceveranno il kit esclusivo che personalizzerà le loro vetture durante i #RoadToParcoValentino, viaggi dell’emozione che sabato 9 e domenica 10 giugno li porteranno a vivere da guest star i raduni nel capoluogo torinese.

Giunte a Torino, queste auto da sogno si dirigeranno presso le piazze a loro dedicate, regalando a turisti e visitatori uno scacchiere di eventi e manifestazioni per tutti i gusti: piazza Castello vestirà i colori Porsche per accogliere i collezionisti che festeggeranno i 70 anni del brand di Stoccarda, tra cui i partecipanti del raduno di Auto Class Magazine, che porterà 50 automobili rappresentative della produzione del brand in un tour panoramico che scenderà da Superga per sfilare per la città.

 

Da piazza Castello si prosegue per l’elegante via Roma per giungere nel salotto torinese, la splendida piazza San Carlo che diventa la location del futuro e del green con il Focus auto elettriche, al quale saranno invitati tutti i brand a mostrare l’attuale produzione di gamma di vetture elettriche o ibride plug-in e dare la possibilità al pubblico di potersi avvicinare alle nuove motorizzazioni.

 

Ospiti importanti del focus saranno le BMW i8 provenienti da tutta Europa, e le numerose vetture Tesla che verranno a Torino per partecipare al Tesla Revolution, autorevole conferenza italiana che si svolgerà sabato 9 giugno al Mauto, dedicata agli appassionati di auto elettriche, nella quale si discute lo stato dell’arte della mobilità elettrica. Contenuti di qualità, relatori esperti, scambio di conoscenze ed esperienze, nuovi contatti entusiasmanti, passione per l’innovazione tecnologica.

 

Le piazze parleranno anche della passione per l’heritage: in piazza Carlo Alberto ci sarà il meeting internazionale di Car&Vintage, che vedrà pezzi storici molto rari di Ferrari, Maserati, Lamborghini e Porsche, mentre in piazza Bodoni si racconterà la storia scritta dall’utilitaria italiana iconica per eccellenza: la Fiat 500 con Ruzza Torino che ne ha radunato una rappresentanza per ogni epoca. E se di icone si parla, allora non possono mancare le Lancia Delta Integrale che hanno fatto sognare per anni gli appassionati di sport motoristici: ce ne saranno oltre 80 in piazza Vittorio Veneto per il secondo appuntamento di Indipendent Cars Italia. Spazio allo stile british, grazie al raduno Aston Martin, e alla sportività con il primo raduno mondiale di proprietari della Dallara Stradale, prima vettura di serie firmata dall’ingegnere Giampaolo Dallara. Una piazza sarà dedicata interamente ai compleanni, a cominciare dal 70° anniversario di Land Rover, per continuare con gli 80 anni del Maggiolino Volkswagen e il 70° di un simbolo unico d’Oltralpe, la Citroën 2 CV.

 

Tornano anche le muscle car dello USA Cars Meeting a Parco Dora, splendido recupero dell’architettura industriale torinese: dal loro quartier generale le americane partiranno per una colorata sfilata che le porterà nella parte nord della città, passando per piazza Montale fino a giungere nella zona dei Murazzi, sulla riva del Po. L’entusiasmo avrà anche il colore rosso del Ferrari Club Italia che parteciperà alla festa con le sue 8 e 12 cilindri classiche e moderne, oltre a special guest a sorpresa.

 

Un Salone diffuso, con punti d’interesse per ogni sfumatura di passione automobilistica distribuiti per la città di Torino. Le auto che animeranno le piazze nel fine settimana saranno anche coinvolte in passerelle alle quali i proprietari parteciperanno gratuitamente: 3 chilometri di percorso che porterà l’emozione del viaggio tra i cittadini e i turisti in un calendario di eventi dinamici di grande suggestione. A cadenza oraria le automobili partiranno per i tour che toccheranno via Roma, via Po, piazza Vittorio Veneto, i Murazzi sul Po e corso Cairoli, prima di tornare nelle proprie piazze.

Le passerelle saranno aperitivo dell’evento dinamico per antonomasia, il Gran Premio Parco Valentino che si svolgerà domenica 10 giugno grazie alla stretta collaborazione con ACI e Automobile Club Torino: 40 chilometri di passerella panoramica che, dopo esser passata dalle strade del centro cittadino, continuerà tra i tornanti della collina per giungere alla Reggia di Venaria. Il pubblico potrà assistere alla sfilata di 200 equipaggi che rappresentano la storia dell’industria automotive: dai primi modelli del 19° secolo, passando per le regine del motorsport, fino a giungere alle rappresentanti del presente e del futuro immediato. Il Gran Premio sarà raccontato in diretta dagli speaker di Radio Monte Carlo, radio ufficiale della 4ª edizione del Salone dell’Auto Parco Valentino.

 

Torino capitale del car design. Accanto alle novità commerciali esposte lungo i viali di Parco Valentino, sarà allestita la mostra di prototipi, one-off e vetture speciali a Torino Esposizioni: il pubblico passeggerà tra la storia del car design, tra modelli iconici provenienti da tutto il mondo che hanno precorso e indirizzato il cammino dell’industria automotive mondiale, riuniti per un appuntamento culturale internazionale. Tra i prototipi esposti ci saranno modelli di Pininfarina, Giugiaro, Italdesign, Zagato, Fioravanti, Touring Superleggera, Stola e Studiotorino e, per la prima volta, alcuni tra i più importanti prototipi della collezione Bertone di ASI. Una grande occasione per conoscere da vicino la cultura automotive, a ingresso gratuito per il pubblico attraverso il biglietto elettronico scaricabile da oggi sul sito www.parcovalentino.com. E’ inoltre confermato mercoledì 6 giugno l’appuntamento con il Car Design Award, premio internazionale organizzato da Auto&Design e assegnato da una giuria di giornalisti che premierà le concept car, le production cars e il brand design language.

 

Trenitalia e Salone dell’Auto di Torino confermano la loro partnership che vuole promuovere un progetto di mobilità integrata. Anche per la 4ª edizione chi scaricherà il biglietto elettronico gratuito accederà a uno sconto del 30% su tutte le Frecce e gli altri treni nazionali per viaggi di andata e ritorno con destinazione Torino durante i giorni della manifestazione. Il biglietto elettronico gratuito si conferma quindi strumento di grande importanza perché indispensabile per stilare non solo la provenienza del visitatore di Parco Valentino, ma anche per garantire ai visitatori la possibilità di assistere, oltre alla Mostra dei Prototipi, anche agli eventi presenti al Castello, come l’anniversario Italdesign, e per usufruire delle molteplici convenzioni strette con i più importanti musei di Torino, tra cui il Museo dell’Auto, il Museo Egizio, il Museo Nazionale del Cinema, la Reggia di Venaria, il Museo Ettore Fico, la Palazzina di Caccia di Stupinigi e il Castello di Rivoli.

 

Il Salone dell’Auto di Torino in questa quarta edizione non solo esce dal Parco Valentino per estendersi alla città: assume anche il ruolo di soggetto che promuove a livello nazionale la cultura automotive, con un progetto che valica i suoi tradizionali confini temporali e geografici, arrivando a interessare molte città italiane, quali Milano, Roma, Modena, Padova.

“Un percorso nella storia dell’automobile” è una mostra fotografica nazionale ideata e curata dal Salone dell’Auto di Torino, un vero e proprio viaggio nella produzione automotive mondiale, dalla prima carrozza con motore a scoppio di Peugeot del 1890, fino al primo veicolo completamente elettrico di Tesla, del 2003. L’allestimento sarà costituito da 50 pannelli ciascuno dedicato a un Brand: ogni supporto illustrerà l’evoluzione della Casa automobilistica, indicando l’anno di fondazione e accostando l’immagine della prima vettura realizzata a quella dell’ultimo modello in produzione nel 2018. 128 anni di storia di un settore produttivo che ha rivestito un’importanza notevole nell’evoluzione del sistema economico del nostro Paese ed è diventato un aspetto fondante della cultura e dello sviluppo di competenze tecniche, dando forme via via diverse all’automobile, oggetto dei desideri di generazioni intere, sinonimo di libertà personale e di creatività. Si comincerà con Torino, Roma, Modena e Padova, con allestimenti della mostra contestuali all’apertura del Salone dell’Auto, per poi continuare durante i mesi successivi con Milano (che ha in programma la mostra nel mese di ottobre) e altri comuni italiani, in un’esposizione itinerante, sinonimo di un nuovo modo di far viaggiare l’emozione.

 

 

Il villaggio più freddo del mondo si trova in Siberia : Ojmjakon raggiunge i -70°C

01_oymyakon_wiki_maarten-takens_1217

Il Castagno dei Cento Cavalli – Sant’Alfio (CT)

 

castagno-cento-cavalliIl Castagno dei Cento Cavalli si trova in Sicilia, a Sant’Alfio in provincia diCatania e più precisamente all’interno del cosiddetto Parco dell’Etna. In siciliano è noto come U Castagnu di li Centu Cavaddi ed è un albero che ha migliaia di anni e che per la sua grande importanza storica si trova anche impresso sullo stemma del Comune. Il nome di questo enorme castagno è molto suggestivo e trae origine da una leggenda molto amata alle pendici dell’Etna. Sembra, infatti, che durante un temporale fortissimo, Giovanna d’Aragona riparò sotto gli enormi rami di castagno ben cento cavalieri. Esperti botanici hanno esaminato negli anni questo castagno e gli attribuiscono circa 4.000 anni. Secondo la tesi di molti di essi, il Castagno dei Cento Cavalieri è tra gli alberi monumentali quello più vecchio d’Europa. Nel 2008 l’albero ha ottenuto un grande riconoscimento dall’Unesco che l’ha proclamato messaggero della pace.

Buon Natale (A voi tutti auguro un Natale con pochi regali ma con tutti gli ideali realizzati – di Ada Merlini)

download-2

NOCERA UMBRA, CON IL PRESEPE DELLE ACQUE LO SPETTACOLO È SERVITO

 

listener-6C’è tempo fino al 6 gennaio per visitare il Presepe delle acque di Nocera Umbra allestito in Piazza Umberto I e nei giardini pubblici del borgo, su una superficie di 800 metri quadrati. A mettere a punto quello che, ad oggi, risulta essere il più grande presepe con statue dell’Umbria, così come il programma di eventi collaterali, è stata la Pro loco con il patrocinio del Comune e la collaborazione dell’Associazione commercianti. Oltre alla sua estensione, la particolarità del presepe, da cui discende appunto il suo nome, è che in esso sono rappresentate le tre sorgenti principali di Nocera Umbra, Angelica, il Cacciatore e Flaminia.

Fitto il calendario di iniziative tra concerti, spettacoli, mercatini, laboratori e giochi per bambini. Sabato 17 dicembre, alle 10.30 in piazza Umberto I, ‘Tutti festeggiamo il Natale’, canti natalizi e mercatini in compagnia degli studenti della scuola primaria ‘Dante Alighieri’. Alle 15 ‘Ciarlatin Ciarlatan’, musica e spettacolo per bambini a cura dell’associazione Ritmi, sempre in piazza Umberto I. Alle 21, ‘Successi dal 1946 al 2016’, concerto di solidarietà abbinato a intrattenimento comico a cura della compagnia ‘Un centesimo per un sorriso’ all’Auditorium Cottoni. L’ingresso è gratuito ma è gradita un’offerta. Una parte dei proventi, infatti, così come quella derivante dalla Lotteria di Natale (regolamento sulla pagina Facebook Presepe delle acque) sarà destinato all’associazione ‘Tutti i colori del mondo’ di Norcia e a un’altra, ancora da individuare, del Comune di Preci.

Domenica 18, alle 15, in Piazza Umberto I, ancora iniziative per bambini con ‘L’officina di Babbo Natale’, laboratorio di costruzione di giocattoli autoprodotti a cura dell’illustratrice Valentina Marino, e ‘Giochiamo insieme’, intrattenimento a opera delle associazioni ‘Arcieri’ e ‘Combriccola dei sogni’. Alle 16.30, ‘Allegria in musica’, concerto della banda musicale di Nocera Umbra e alle 17.30, ‘La grande tombolata’ organizzata dai quartieri Porta Santa Croce e Borgo San Martino. Non mancheranno, infine, nei due giorni, i mercatini di Natale, uno sotto i Portici di san Filippo (dalle 10 alle 19) e un altro, organizzato dalle scuole, in piazza Umberto I (dalle 10.30 alle 18).

Dormire in un igloo,suite di ghiaccio. A livigno si può

 

snow-suite-livignoA Livigno quest’inverno si può dormire in una suite di ghiaccio. Il 20 dicembre sarà inaugurata la prima Snow Suite a 1.816 metri di altitudine.

Un igloo di lusso, insomma, tra le cime innevate di quello che è chiamato il Tibet d’Italia.

All’interno non mancheranno i comfort, anche se si dorme in un sacco a pelo termico. Sarà l’ambiente ideale per una coppia che vuole trascorrere una notte inusuale, ma anche per una famiglia che desidera provare una nuova esperienza.

L’igloo sarà costruito all’esterno del Lac Salin SPA & Mountain Resort che proprio quest’anno festeggia i 10 anni di vita.

Per scaldarsi, si cena nella Stua da Legn e si va nella Spa Suite del Lac Salin, con massaggi, sauna, bagno di vapore, bagno alle erbe aromatiche e una ricca colazione servita proprio nella Spa.

Scenografiche sculture di neve ispirate ad Art in Ice, la manifestazione di arte contemporanea che si tiene da 18 anni a Livigno e che vede artisti da tutto il mondo realizzare vere e proprie opera d’arte con il ghiaccio.

Aperto a tutti sarà invece lo Snow Lounge Bar, un bar igloo dove trascorrere del tempo dopo lo sci o dopo una cena a base di sciatt. Anche se sarà fatto di neve, al suo interno l’igloo sarà molto raffinato, con una lista di cocktail creativi serviti nei bicchieri di ghiaccio.

Il miracolo di Macereto, il santuario nelle Marche rimasto illeso dal terremoto

 

santuario-macereto-marcheÈ rimasto miracolosamente illeso dal sisma il santuario di Macereto, nelle Marche a soli 5 chilometri da Visso, uno dei centri più colpiti dal terremoto del 30 ottobre 2016 che ha colpito il Centro Italia.

Il complesso religioso, costruito nella prima metà del Cinquecento, è stato ripreso da un drone che ha sorvolato la zona dei Monti Sibillini in cui sorge il santuario: quest’ultimo a quanto mostrano le immagini non presenta danni o crolli visibili.

Il Museo del pene, è in Islanda!

 

museo-fallologico-islandeseIl Museo Fallologico Islandese è un museo molto particolare che potrebbe far arrossire ed inorridire i più bigotti. Il museo raccoglie, infatti, oltre 200 peniappartenenti a tutti i mammiferi del territorio islandese. Essendo ancora unargomento tabù in molte parti del mondo, Italia compresa, di fallologia non si parla ancora distesamente. Lo si ritiene ancora un argomento imbarazzante e vergognoso. Ma questo museo potrà allargare gli orizzonti, dedicandosi ad un argomento delicato nel modo più scientifico e professionale possibile

#Romagna TBV, ovvero Romagna – Terre del Buon Vivere Mercoledì 28 settembre alle 14:30 al San Giacomo

 

forli-tramonto-rdDomani pormeriggio, mercoledì 28 settembre, la Chiesa di San Giacomo ospiterà a partire dalle 14.30 il convegno “#RomagnaTBV: cultura e turismo come motore durevole di sviluppo”, con la presentazione del progetto di marketing territoriale promosso dagli enti pubblici e privati del territorio e un dibattito sul valore della cultura come volano di sviluppo turistico ed economico del territorio.

“#Romagna TBV, ovvero Romagna Terra del Buon Vivere” è l’immagine della Romagna che un gruppo di 10 realtà di Forlì e Cesena (Provincia, i due comune di Forlì e di Cesena, le tre Unioni dei Comuni della  Romagna forlivese, della Valle del Savio e dei Comuni del Rubicone Mare, la Camera di Commercio, le due Fondazioni ex bancarie di Forlì e di Cesena e il GAL “l’Altra Romagna”) hanno individuato per promuovere l’attrattività e lo sviluppo del nostro territorio. L’obiettivo è quello di evidenziare come la Romagna si caratterizzi per molteplici eccellenze nei campi più diversi (arte, ambiente, formazione e ricerca, innovazione, sanità e assistenza sociale, enogastronomia, modelli d’impresa, ambiente) che trovano la radice comune proprio nei principi del Buon Vivere, ovvero del BES (Benessere Equo e Sostenibile). E da quest’angolo prospettico coordinare – e comunicare – al meglio tutto quanto viene già promosso ed organizzato sul territorio dalle diverse realtà, assicurandogli quella visibilità ed attrattività che già meritano ma che faticano a conseguire. A tal scopo queste 10 realtà hanno sottoscritto un protocollo d’intesa che prevede le prime azioni di comunicazione unitaria del nostro territorio come Terra del BV già all’interno della Settimana del Buon Vivere, per poi moltiplicarsi ed estendersi nel corso degli anni a venire.

Dopo i saluti dei sindaci di Forlì e di Cesena e del Presidente della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, interverranno Gianfranco Brunelli (direttore generale delle mostre della Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì), Guido Guerzoni (giornalista e docente Università Bocconi) e Fabio Lazzari (presidente UTET Grandi Opere). Modererà Nicola Saldutti, responsabile della sezione economia del Corriere della Sera. Ingresso libero.

A bordo del treno degli Zar….la Transiberiana.La tratta più antica e famosa del mondo, che attraversa terre gelide e dimenticate, ma che regalano paesaggi ed esperienze unici.

treno-imperial-russia-ristorante